giovedì 24 gennaio 2008

Una poesia di Ivan Paduano, il mago del computer...

Ti aspetto
senza sonno
filando
pensieri
sul mio telaio
di brace
teso
ad ogni luce,
ad ogni rumore
che avvicini
al mio viso
stasera
la tua
calda mano,
un passo e l'altro
della spola
lasciano
passare
questo tempo
inutile
ma non mi distraggo
e non è leggero
il mio cuore

gioioso
il mio canto,
parla di te,
e della mia
casa vuota
di pareti
tutte in ombra,
in mezzo chinato
sulla luce
ti aspetto
amore,
ti aspettavo.

3 commenti:

Francesca Farina ha detto...

Ivan Paduano è il mago del computer che mi ha creato il blog, io non sarei mai stata capace! E' un giovane architetto, insegna a contratto all'Università di Roma, lavora con molto impegno e scrive poesie...Come si vede...

Autumn Leaves ha detto...

Io sono innamorata do Ivan Paduano.
E' una persona davvero speciale.

Brava Francesca...

Autumn Leaves ha detto...

Opsss !Mannaggia all'emozione..

"di Ivan Paduano"